lunedì 15 dicembre 2008

GUIDA INSTALLAZIONE MINIMALE DI UBUNTU



Uno degli aspetti molto importanti quando ci si avvicina ad un nuovo Sistema Operativo è proprio l'installazione.

Ubuntu, da questo punto di vista, ci aiuta moltissimo, rendendo l'installazione praticamente automatica e molto semplice, infatti possiamo installare dopo averla provata un po' dal liveCD, installarla direttamente o addirittura, installare Ubuntu dentro Windows... praticamente copre la maggior parte delle esigenze di un utente medio....

...già, ma che succede invece quando chi vuole installare il sistema è un utente avanzato e vuole avere solo l'indispensabile?

Anche qui, la nostra amata/odiata/bistrattata Ubuntu ci viene in aiuto e ci permette di installare un sistema minimale/personalizzato e scattante.

Vediamo come:


INDTRODUZIONE:

È possibile procedere all'installazione di un sistema minimale con una immagine .ISO già preparata, in questo modo tutti i pacchetti selezionati vengono installati dalla rete, rendendo così l'immagine del CD meno pesante (può essere inferiore ai 10MB).


REQUISITI

Proprio per la natura della scelta e installazione dei pacchetti, è fondamentale avere una connessione ad Internet funzionante, altrimenti "ciccia".

Ah ok, ma mi sfugge qualcosa... doe la scarico la .ISO minimale che sul sito di Ubuntu non ne trovo traccia nei maggiori link che vedo?

Niente paura, eccovi qui tutti i millemila succulenti link allo spiedo:


Contenti? Ora non dovete far altro che cliccare sulla versione che volete e masterizzarla, per cui, dallo spiedo alla "scotta CD".

Avete finito di mangiare? Ok, allora...


COMINCIAMO

Prima di avviare l'installazione è necessario configurare il BIOS affinchè diventi possibile avviare il sistema da lettore CD. Terminata la configurazione, inserire il CD d'installazione nel lettore CD-ROM e riavviare il computer.

Configurazione BIOS:

Ora, senza andare nello specifico, molti BIOS cambiano nell'interfaccia, quindi ecco una carrellata dei quelli più diffusi:

  • BIOS Phoenix
All'avvio del PC premere un tasto fra «F2», «Canc» e «F10». Un volta avviata l'interfaccia grafica del BIOS, spostarsi con i tasti direzionali e selezionare la scheda «Boot».

Modificare con i tasti «+» e «-» la voce relativa al lettore CD/DVD, in modo che compaia in testa alla lista dei dispositivi. Salvare le impostazioni e uscire premendo il tasto «F10». Verrà chiesto di salvare le configurazioni: selezionare «Y» e premere «Invio». Al termine il PC verrà riavviato.

Al termine il PC verrà riavviato.



  • BIOS Award
All'avvio del PC premere un tasto fra «F2», «Canc» e «F10». Un volta avviata l'interfaccia grafica del BIOS, spostarsi con i tasti direzionali e selezionare la voce «Advanced Bios Features» e premere «Invio».

Al termine il PC verrà riavviato.

  • BIOS AmiBIOS

All'avvio del PC premere un tasto fra «F2», «Canc» e «F1». Un volta avviata l'interfaccia grafica del BIOS, spostarsi con i tasti direzionali e selezionare la scheda «Boot».

Al termine il PC verrà riavviato.

Per chi invece usa dei portatili, all'avvio di solito viene indicato un tasto da premere (ad esempio F12, Esc ecc.) che permette di scegliere in fase di boot la periferica dalla quale avviare il computer. In ogni caso, fate riferimento al manuale del vostro PC portatile.


QUESTO invece un piccolo link, qualora lo voleste, di approfondire il discorso BIOS.


Fatti i passi sopra, ora sarete ingrado di far partire il vostro computer direttamente dal CD masterizzato con la ISO minimale. Quindi, una volta partita l'installazione dovreste ritrovarvi davanti ad un "prompt" (riga di comando testuale), molto simile a questo:

boot:

Premere «Invio» per proseguire. Dunque, comparirà la seguente schermata (cliccare per ingrandire):

Utilizzando i tasti freccia, è possibile selezionare una fra le seguenti opzioni:

  • «Install»: avvia il processo di installazione.

  • «Command-line install»: avvia il processo di installazione di un sistema minimale a riga di comando.

  • «Advanced options»: mostra le seguenti opzioni:

    • «Expert install»: avvia il processo di installazione per esperti.

    • «Command-line expert install»: avvia il processo di installazione per esperti di un sistema minimale a riga di comando.

    • «Rescue mode»: avvia la modalità di ripristino.

  • «Help»: mostra l'aiuto in linea.

Se si desidera installare un sistema fornito di un sistema grafico, selezionare «Install»; in alternativa, se si desidera installare un sistema a riga di comando, selezionare «Command-line install».

Se si è scelta l'opzione «Install», al termine dell'installazione del sistema base comparirà la seguente schermata (cliccare per ingrandire):

Selezionare i componenti che si desidera installare e premere «Invio».


Installazione di un ambiente grafico minimale

Appena finito, abbiamo una installazione funzionante e performante, ma senza interfaccia grafica, quindi purtroppo non potremmo lanciarci in "configurazioni carpiate" di temi, icone e bordi finestre.

"Noooooooooooooooooooooooo!!! E io che volevo installare GNOME, con il pannello di KDE e Thunar come File Manager nooooooooooooooooooooo!!!"

Ok, Ok... siccome è Natale e siamo tutti più buoni, vi dico come installare le maggiori interfacce grafiche più una "chicca" bonus (no, non è il Maurizio "state bonus" Constanzo dell'antica Roma).

  • Installare GNOME

Digitare il seguente comando:


sudo apt-get install gdm gnome-core xorg


  • Installare KDE

Digitare il seguente comando:


sudo apt-get install kdm kde-core xorg

  • Installare XFCE

Digitare il seguente comando:


sudo apt-get install gdm xfce4 xorg

Ricapitolando, dando uno dei comando sopra riportati, installaremo la versione MINIMALE del nostro DE preferito, ma passiamo alla "chicca" che vi ho promesso prima.

Oltre ai canonici DE, possiamo ora abbiamo la possibilità di installare anche LXDE un DE molto leggero (alcuni dicono anche di più di XFCE) e completo di tutto (file manager, visualizzatore di immagini, pannello, task manager, pannello di controllo e quant'altro).

Quindi, vediamo ora come installarlo per le diverse versioni di Ubuntu, nello specifico Intrepid (8.10), Hardy (8.04.1) e Gutsy (7.10).


  • Installazione per Intrepid (8.10):

Digitare il seguente comando:

sudo apt-get install lxde xinit gdm xorg

  • Installazione per Hardy (8.04.1) e Gutsy (7.10):

Per quanto riguarda invece le versioni per Hardy (8.04.1) e Gutsy (7.10) è necessario inserire dei repository aggiuntivi, per cui, digitate il seguente comando:

sudo nano /etc/apt/sources.list


e aggiungiamo i seguienti repository:

  • Hardy (8.04.1)

deb http://ppa.launchpad.net/lxde/ubuntu hardy main
deb-src http://ppa.launchpad.net/lxde/ubuntu hardy main



  • Gutsy (7.10)

deb http://ppa.launchpad.net/lxde/ubuntu gutsy main
deb-src http://ppa.launchpad.net/lxde/ubuntu gutsy main

Quindi ora, come al solito, dobbiamo far digerire i nuovi repository e installare LXDE (SOLO PER HARDY E GUTSY) quindi diamo i seguenti comandi:

sudo apt-get update
sudo apt-get install lxde xinit gdm xorg

Ok, questo è tutto...

Ho preso le informazioni dal Wiki della comunità (dateci una letta perché riporta anche a molti altri link interessanti).

Un saluto a tutti...
masand

2 commenti:

Kwb ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Kwb ha detto...

2 domande:
1. Per alleggerire ulteriormente il sistema, se invece del login manager di gnome usassi SLIM va bene uguale?
2. Che cosa scelgo nel menù blu per un ubuntu minimale che mi vada su internet e mi faccia da muletto?

Kwb